Tels Talks – Giovanni Carraro, AI, analytics e big data

[READ THE ENGLISH VERSION]

Studente TELS alle scuole medie e superiori, Giovanni oggi vive e lavoro a New York, dove si occupa di Big Data, Analytics e Intelligenza Artificiale.
La sua #positivelight? Essere intraprendenti e non aver paura di sbagliare.

Grazie Giovanni, ci vediamo alla Reunion!

1. Qual è la sorpresa più grande, che ti fa sorridere, che hai avuto negli ultimi tempi?

Il mese scorso mio figlio (6 anni) mi ha chiesto su quali app dell’iPad studiassi quando avevo la sua età. Quando non solo gli ho detto che l’iPad ai tempi non esisteva, ma ho aggiunto che quando il nonno era piccolo non c’era la televisione, mi ha guardato incredulo e, ridendo mi ha detto: “bella battuta”, come se stessi scherzando. Quella che per me è innovazione, per mio figlio è normalità.

2. Cos’è che non vorresti dimenticare mai?

Questa domanda mi fa pensare al quadro di Gauguin “Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?”. Per me è importante ricordare il mio passato, tutto quello che ho imparato e le esperienza che ho vissuto. E’ quanto mi aiuta nelle decisioni del presente e a pensare al futuro. Perdere questo significherebbe perdere quanto determina chi sono veramente.

3. Quanto il Viaggio con TELS ha influito nella tua crescita Personale e Professionale?

Moltissimo. Vivo e lavoro a New York e Mariarosa e TELS sono stati il mio primo approccio all’inglese. TELS è anche stata la prima volta che ho vissuto in una realtà che non fosse la mia, in una nuova famiglia, in una nazione diversa, in una cultura diversa. Indubbiamente queste sono state esperienze che mi hanno non solo insegnato l’inglese, la lingua della mia quotidianità, ma più importante a capire come essere cittadino del mondo.

4. Sa avessi 5 minuti per raccontare la storia della tua vita che immagini e colori useresti?

L’immagine è quella di una barca a vela al largo in un mare vasto. La mia vita è un viaggio senza alcun dubbio, sia metaforicamente che realmente. Mi piace l’immagine di una avventura continua, il porto di arrivo è solo l’attracco per prepararsi ad una nuova partenza. Con questa immagine il colore che viene in mente è il blu, del mare, del cielo, dell’orizzonte. Inoltre, nel metodo TELS, il Blu è il colore della precisione, della logica, della razionalità, sicuramente caratteristiche che contraddistinguono il mio essere ingegnere.

5. Quali consigli ti senti di dare ai ragazzi e ragazze giovani che partono per la prima volta con TELS e possono gustare il “metodo TELS”?

Il mio consiglio è quello di essere intraprendenti, con la voglia di sperimentare e senza avere paura di sbagliare, perché, alla fine, è quello che fa la differenza. TELS senza alcun dubbio mette nelle condizioni di imparare, fare esperienza, divertirsi e crescere. Ma alla fine è lo spirito, la passione, il coraggio e la determinazione di chi parte che determinano l’esito finale, che decide tra una vacanza memorabile e una apatica gita ad un paesino inglese. Decidere di partire è il primo passo, cui devono seguirne tanti altri; con il giusto spirito, si arricchisce la propria vacanza e quella dei compagni di avventura.

 

———————————————————————————–

Giovanni Carraro, ex studente Tels, 40 anni, laurea con lode a Pavia in Ingegneria Elettronica e MBA alla Harvard Business School. Oggi vive con la sua famiglia a New York, dove si occupa di Big Data e Intelligenza Artificiale: un eccellente blu insomma, che crede fortemente nel valore degli errori che insegnano. “Chi non sbaglia mai alla fine si annoia a non fare nulla”.