Jack Jaselli e il “Torno a Casa a Piedi Tour”: sheer silver!

Jack Jaselli è partito da Pavia per una camminata di 800km sulla Via Francigena fino a Roma

Qualche giorno fa abbiamo avuto un incontro inaspettato a Pavia con Jack Jaselli, un artista internazionale in partenza per il suo nuovo tour…non solo musicale.

Contattati da Explora inLombardia, (grazie!) siamo stati invitati a “raccontare” Pavia a Jack ed alla troupe di Willy The Whale, la casa di produzione che per Real Time documenta il viaggio, fatto di emozioni, creatività, ricerca di senso ed armonia, concretezza e determinazione.

Emozioni, creatività, armonia e determinazione

Tutto ciò rings a familiar bell to Mr TELS’ears…. ; ) !

Il fuoco rosso della motivazione che ti fa scommettere su qualcosa di improbabile ed insolito, il giallo della creatività che ti fa cercare le strade (in musica e non), il verde dell’equilibrio, del silenzio, per ascoltare se stessi e cercare le risposte, il blu della meta, dell’obiettivo realizzato.

Insomma, Jack Jaselli è decisamente Silver, secondo noi!

Il suo progetto Torno a Casa a Piedi Tour racchiude tutti i colori in una sintesi perfetta. Lo abbiamo intuito conoscendolo brevemente qui a Pavia, e poi ne abbiamo trovato conferma nelle parole del suo post Perché un Tour a piedi? del 15 Marzo, che vi consigliamo di leggere qui.

E’ stato molto piacevole parlare delle sue collaborazioni, scoprire come ha maturato la decisione di passare dall’inglese all’italiano nelle sue canzoni ed allo stesso tempo trovare un giovane artista interessato ai nostri progetti ed alle pillole di storie che gli history walkers Ivan, Michael e Simon gli hanno raccontato in giro per la città.

Abbiamo iniziato l’incontro con un brainstorming nel cuore di Pavia, sui divani dell’elegantissimo Arnaboldi Palace, ed abbiamo poi concluso al tavolone di legno di AgriPavia con un Aperitivo Oltrepo’ a base di vino locale e prodotti a Km 0, brindando al tour di Jack Jaselli ed alla lunga strada che lo separa da Roma.

May the road rise up to meet you

Speriamo che la partenza da Pavia gli porti fortuna e, come ci insegnano gli amici irlandesi, gli auguriamo “May the road rise up to meet you”.

Ci piacerebbe seguirti a piedi fino a Roma Jack, ma l’Inghilterra ci aspetta fra poco, e, visto che come te non abbiamo nessuna intenzione di smettere di imparare, lo facciamo oggi partendo dal video e dal testo della tua canzone che ci piace di più, Welcome to the World (colonna sonora del film di Gabriele Muccino “L’estate addosso”).

GRAZIE!

Welcome to the world my friend
People should be free to go everywhere
To find their own sweet song
To hear the sound of freedom
To every newborn we should smile and say welcome

Welcome to the world my friend
This land is your land

Sometimes we lose our way
And hope gets out of sight
Fears just take control
And thoughts just cloud our mind
But if we stop and breathe
We can start to believe
That visions are not illusions
And that’s easy to see

Every guiding star above your head
Every step you took along your path
Can give you so much more than just a destination
They’ll teach you how to smile and say welcome

Welcome to the world my friend
This land is your land

It may not be so easy
To leave some things behind
When all they ever told you
Is not to cross that line
There are no boundaries
Nothing that you can’t do
This world should be your playground
This sun shines for you