Migliorare l’inglese e stimolare la curiosità: la vacanza studio a Bagnolo secondo Gabriele Bruno

Inglese per bambini nell’atmosfera magica di Bagnolo

Se state cercando una vacanza studio adatta ad un bambino curioso, brillante e positivo per permettergli di familiarizzare con la lingua inglese attraverso attività divertenti e interessanti e di sviluppare le sue Life Skills, Bagnolo Piemonte è il posto giusto. E’ qui (sotto, una fotografia a cura di Elena Corbari, Wild Goose del gruppo appena rientrato da The English Week) che i nostri giovani esploratori (dagli 8 agli 11 anni) imparano a conoscere il Metodo Tels™ che ritroveranno anche negli anni seguenti viaggiando verso la Gran Bretagna, gli USA o l’Australia con il Grand Tour Tels.

In questa intervista, Gabriele Bruno, grande fan di The English Week a cui ha partecipato da bambino, ora 17 anni, non vedente dalla nascita, ci racconta di come l’esperienza a Bagnolo con I Viaggi di Tels abbia lasciato un segno non solo nel suo approcciarsi all’inglese e alle lingue (studia anche francese e tedesco con ottimi risultati!) ma alla vita in generale.

L’intervista a Gabriele Bruno, ex Bagnolino

Ciao Gabriele, per chi non ti conoscesse, hai voglia di raccontare la tua storia brevemente?

Ho 17 anni e vivo ad Alessandria. I miei interessi più grandi sono la musica e le lingue. Frequento, infatti, il liceo linguistico, presso il quale oltre all’inglese studio anche francese e tedesco.

Grazie ancora per esserci venuto a trovare a Bagnolo Piemonte, un luogo che ti è rimasto nel cuore da quando l’hai frequentato da bambino partecipando alla English Week, vero? Che ricordi ne hai?

Sì, è vero. Era se non sbaglio il 2012. Avevo circa 10 anni e mia mamma mi ha riferito per la prima volta della possibilità di fare una vacanza a Bagnolo, nella quale avrei potuto approfondire la mia conoscenza dell’inglese. All’inizio non sapevo bene che cosa aspettarmi, ma ho acconsentito subito perché ero molto curioso e devo dire che è stata un’esperienza speciale.
Come ti dicevo prima, ci sono due cose che mi appassionano: le lingue straniere e la musica. A Bagnolo, uno dei nostri teacher ci intratteneva con brani musicali in lingua inglese per cui per me è stato un modo davvero grandioso di stimolare e incoraggiare la mia curiosità nei confronti della lingua. Inoltre, per me è stato un modo davvero bello per stare in mezzo agli altri, uscire dal mio “guscio” e fare esperienze fantastiche assieme ai miei compagni di allora.

Per esempio, un aneddoto che ricordo con piacere è quando siamo andati allo zoo. Ci hanno parlato degli uccelli rapaci e delle loro peculiarità: ho imparato un sacco di cose nuove e il bello è che mentre le imparavo miglioravo anche la mia conoscenza dell’inglese!
In generale, devo dirti che la musica era presente quasi sempre nelle nostre attività, anche quando scrivevamo la cartolina in inglese ai nostri genitori, in cui parlavamo di come ci sentivamo (conoscere sé stessi e riconoscere le proprie emozioni è parte integrante del Metodo Tels™, ndr).

Prima abbiamo scambiato due parole in inglese e devo dire che lo parli davvero bene! E poi, come raccontavi, studi anche francese e tedesco, complimenti! Dove nasce la tua passione per le lingue straniere? Ti va di condividere con i tuoi colleghi studenti qualche segreto per imparare efficacemente le lingue?

Questa è una bella domanda! Da cosa è stata innescata questa mia passione? Dal fatto che fin da quando ero piccolo mi venivano dati costantemente supporti multimediali, tra cui uno che ricordo ancora adesso. Si chiamava “Tutti i suoni del mondo” (Gabriele è non vedente, ndr) e scorrendolo avevo modo di sentire i numeri e l’alfabeto delle varie lingue del mondo. Fu un’esperienza che mi colpì molto, come per esempio quando ascoltai per la prima volta i suoni duri e aspri del tedesco, che mi affascinò da subito! E lì, appunto, mi si è aperto un mondo…

Quanto al segreto per imparare una lingua straniera, posso dirti che bisogna fare tanta conversazione, andare all’estero e provare a parlare. A me aiuta anche pensare in una lingua straniera quando penso alle attività quotidiane che devo svolgere. E poi la cosa più importante: bisogna voler migliorare sempre, c’è sempre qualcosa di interessante ancora da scoprire.

Suoni anche la batteria, giusto? Che ruolo ha la musica nella tua vita e come credi che possa essere usata nella vita di tutti i giorni per far fronte alle piccole grandi difficoltà quotidiane?

Come ti dicevo, la musica nella mia vita ha un ruolo fondamentale ed è sempre stata la mia passione. E’ da quando ho 4 anni che se sono da solo ascolto musica e suono. In particolare, con la batteria ho iniziato 2-3 anni fa… Per alcuni la musica è solo un passatempo, per altri lo sono i videogiochi o gli sport, ma per me la musica ha un ruolo fondamentale perché mi dà energia e mi rivitalizza.
E poi, come ti dicevo, la musica mi aiuta anche nell’apprendimento delle lingue. Quando mi sono avvicinato all’inglese mi ha aiutato anche perché è affascinante riuscire capire ciò che gli artisti dicono quando interagiscono con il pubblico.

Dal rosso al silver…. Gabriele e l’efficacia del Metodo Tels™

Conosci molto bene il Metodo Tels™ e la tua esperienza da Bagnolo in poi è la perfetta rappresentazione del percorso nelle 5 fasi, dal rosso (passione) al giallo (creatività), al verde (armonia con gli altri e con l’ambiente), al blu (focus e pensiero logico), al silver, il colore del cittadino globale realizzato e felice di contribuire a una società migliore. Di che colore ti senti in questo momento della tua vita e senti anche tu di essere cresciuto e di aver attraversato le fasi del Metodo Tels™ (passione – creatività – equilibrio – determinazione – successo)?

Bagnolo mi ha sicuramente aiutato a progredire lungo questo percorso e mi sento di aver sviluppato con questa esperienza un po’ tutti i lati. Se però devo indicarti i colori che sento a me più vicini in questo momento ti direi una combinazione di rosso, giallo e verde.

Manca solo il blu e sarai un silver perfetto, allora! Ci sarà l’inglese nel tuo futuro? E la musica? Hai qualche progetto imminente?

Dopo le superiori penso di andare all’università e penso di approfondire la mia passione per le lingue. In particolare, mi interessano quelle che per uno studente italiano sono più inusuali, in particolare le lingue slave (a questo punto parte con Gabriele una bellissima conversazione sul jazz balcanico, ma ne parleremo un’altra volta, ndr). Ovviamente, ho intenzione di andare avanti con la musica e di dare seguito ad alcune interessanti jam session alle quali ho partecipato con diversi musicisti… Io comunque continuo a suonare e aspetto di vedere che cosa mi riserverà il futuro.

…E noi ti auguriamo che sia un futuro pieno di brillanti realizzazioni e sicuramente grazie alla tua passione – il rosso del Metodo Tels, della destinazione di Bagnolo e di questo post – sarà così! Grazie ancora Gabriele, è stato davvero un piacere incontrarti nuovamente e così proeittato al silver. Quando vuoi venire a fare due chiacchiere in inglese, ti aspettiamo! 🙂

… se volete saperne di più sul Metodo Tels: info@iviaggiditels.it0382 578706