3 errori che gli italiani fanno quando parlano inglese

Con le nostre vacanze studio e tutti gli altri progetti linguistici, insegniamo inglese ai ragazzi di tutte le età da tantissimi anni e ci siamo resi conto di alcuni errori ricorrenti che commette chi sta studiando l’inglese; in particolare gli italiani hanno difficoltà con…
Ecco una selezione dai nostri colleghi madrelingua…

La pronuncia della lettera H

La pronuncia della lettera “h” all’inizio delle parole è un ostacolo davvero ostico per gli italiani alle prese con l’inglese. Abbiamo perso il conto di tutte le volte in cui gli studenti ci hanno detto di essere “angry” (arrabbiati) all’avvicinarsi dell’ora del pranzo sapendo bene che intendevano “hungry”, affamati: quell’aspirazione all’inizio di quasi tutte le parole che iniziano con “h” che a noi italiani suona tanto inutile e un pò buffa a volte, è fondamentale per capire e farsi capire in inglese.

Naturalmente ci sono alcune eccezioni alla regola, in questo caso poche e molto facile da ricordare. Ci sono solo 4 parole basiche in Inglese che cominciano con una “h” muta (che non si pronuncia) e sono:

– hour – forse la più comune
– honest (ed anche honesty, honestly…)
– honour (anche honourable, honorific…)
– heir (che significa erede – ma si pronuncia la “h” in “hereditary”)

Per esercitarvi, provate a fare questi esercizi di enunciazione a voce alta:

– How was Harry hastened so hurriedly from the hunt?
– Hatty, Henry and the honourable Horace held hands on Hampstead Heath for half an hour.

Il verbo “to listen + to”…

Durante i nostri corsi estivi in Inghilterra tutti i ragazzi sostengono l’esame Trinity ed una delle subject areas del Grade 5 è “Music”. Il Grdae 5 è uno dei livelli più comuni nei nostri corsi a Hedge End e Romsey e spesso ci troviamo ad affrontare l’annosa questione del verbo “to listen”.
Il verbo “to listen” può essere usato autonomamente senza alcun problema, ma quando è seguito dal complemento oggetto deve obbligatoriamente essere accompagnato dalla particella “to”.

Quindi avremo: ” I always listen TO pop music when I’m relaxing” anche se in italiano il verbo ascoltare regge direttamente il complemento oggetto senza preposizioni, ecco perchè è difficile da memorizzare.

La differenza tra fun e funny

Un altro problema molto comune: “funny” letteralmente significa “divertente”. Le commedie sono funny. Gli scherzi sono funny. Ciò che è funny fa ridere.

“Fun”, invece, significa “piacevole”. Le cose “fun” fanno rilassare e sorridere. Uscire con gli amici è “fun”, giocare a calcio al parco. Fun è qualcosa che ci dà piacere, non che ci fa ridere.

Quando sentiamo dire ai nostri studenti che a loro piace andare a cavallo perchè è “funny”, ci mettiamo nei panni dei nostri amici madrelingua che probabilmente li immaginano a cavallo mentre ridono a crepapelle. In questo caso il termine esatto è “fun”.

La difficoltà, pensiamo posssa derivare dal fatto che in inglese alcuni avverbi vengono generati partendo dai corrispondenti aggettivi e modificando la parte finale con suffissi in -ly/-y finale: easy/easily – quick/quickly – gentle/gently, da qui l’associazione fun/funny…

Abbiamo altri suggerimenti da darvi per migliorare il vostro inglese

La serie di suggerimenti facili da ricordare per migliorare con successo il proprio inglese continua, seguiteci!
E se non avete ancora programmi per l’estate dei vostri figli, abbiamo ancora posti disponibili per i soggiorni in Inghilterra!

Qusto post è giallo perchè usa la creatività per memorizzare regole e trucchetti utili a non commettere più errori in inglese!