Tre consigli per il rientro a scuola e al lavoro

Ci siamo: per i circa 8 milioni di studenti e per  circa 800 mila docenti in tutta Italia è tempo di tornare a scuola e tuffarsi in nel nuovo anno scolastico, una nuova avventura.

E’ vero, il rientro a scuola è un passaggio un po’ traumatico, dopo 3 mesi di  relax con gli amici e la famiglia nelle fresche, magiche e lunghe serate estive, ma il nuovo anno scolastico rappresenta anche una nuova partenza, la possibilità di conoscere nuovi compagni, amici, colleghi e studenti! E poi, se non esistesse il primo giorno di scuola come potremmo arrivare all’ultimo e alle prossime vacanze?

Che sia l’inizio dell’anno scolastico o di quello solare, una nuova partenza è sempre caratterizzata da nuovi obiettivi e buoni propositi. Il problema è che quando gli impegni aumentano e si fanno più pressanti è difficile mantenere quanto ci eravamo ripromessi di fare. Lo stress si fa sentire in maniera più acuta e finiamo per sentirci esausti e avere problemi di vario genere di carattere psicosomatico.

Occupandoci di lingua inglese e di life skills, ma volendo anche contribuire a stili di vita più sani  attraverso lo sviluppo della consapevolezza di sé e la valorizzazione delle proprie potenzialità, noi di I Viaggi di Tels abbiamo pensato di proporvi qualche consiglio facile e utile affinché i propositi di inizio anno scolastico non svaniscano nel nulla al primo consiglio di classe o alla prima interrogazione andata male. 

Concentrarsi su ciò che si sta facendo

Siamo perennemente affaccendati pensando non a ciò che stiamo facendo nel presente, ma alle tre, quattro, cento, mille cose che dovremo fare dopo. 

Sull’importanza di essere maestri della nostra mente e di incanalare le nostre energie nel “qui e ora” senza farci distogliere da altri pensieri, Erich Fromm, uno degli psicoanalisti più importanti del secolo scorso, scriveva così in un saggio in cui parlava di come creare le condizioni per far emergere la creatività, il colore giallo del Metodo Tels© : “Consumiamo la colazione, ascoltiamo la radio, leggiamo il giornale e forse riusciamo anche a conversare con la moglie e i figli. Facciamo cinque cose tutte insieme e non facciamo nulla.” In altre parole, è proprio quando si vuole strafare che si riesce a fare molto meno e con il triplo della fatica! 

Prosegue Fromm: “Per chi si concentra veramente, la cosa che sta facendo in un dato momento è la più importante della vita. […] Una consapevolezza autentica e una risposta autentica si hanno soltanto nel momento presente, vale a dire si hanno soltanto nell’impegno incondizionato alla cosa che facciamo, che vediamo e che sentiamo, qualunque essa sia, in questo istante.

Respirare meglio

Per migliorare la concentrazione e usare al meglio le energie, è importante respirare bene. Sembra banale, ma si tratta di un piccolo accorgimento che può avere un grande impatto sulla salute psicofisica. 

Un esercizio che può aiutare nei momenti di stress, quando la pressione esterna si fa più forte e il respiro diventa affannoso, è quello della respirazione diaframmatica. Basta posizionare la mano sinistra sul petto e la mano destra sulla pancia finché non si muoverà la mano destra sulla pancia facendo respiri lenti, regolari e profondi: è una semplice tecnica che permette di essere più presenti, consapevoli, rilassati e concentrati.

Prendersi una vacanza… Ogni giorno!

E’ stata ribattezzata daycation – dalla fusione di day vacation, ma non corrisponde alla tradizionale idea di vacanza con annesso viaggio, bagagli e alberghi.  Si tratta piuttosto di prendersi una piccola pausa durante la giornata, che permette di riallineare corpo e mente e prevenire l’accumulo di stress e i problemi fisici e psicologici che ne derivano. 

Ritagliarsi quotidianamente un piccolo spazio per una daycation migliora la qualità della vita e consente di tornare alle proprie attività lavorative o di studio con rinnovata energia.

Ah, e peraltro non preoccupatevi: prendersi una daycation ogni giorno non vuol dire dover poi rinunciare alle prossime meritate vacanze natalizie o estive: quelle sono intoccabili!